IschiaBlog é un blog d'informazione e satira locale, un elenco dei negozi e servizi dell'Isola d'Ischia, un sistema di annunci ed un centro offerte di hotel a Ischia

Ischia Blog

Geotermia e sindrome NIMBY

di Bartolomeo Garofalo. Era da un po’ che non tornavo sull’argomento geotermia, convinto come ero di aver detto tutto ciò che c’era da dire o per lo meno di aver espresso esaurientemente il mio pensiero almeno per quanto riguarda il progetto della costruzione della centrale di Serrara Fontana. Il progetto è tutt’altro che archiviato così come la discussione a 360° che ne è scaturita a livello locale. Una parte della comunità isolana, una parte piccolissima sia chiaro, si era attivata già a partire da un anno fa per cercare delle risposte esaurienti a tutta una serie di interrogativi sul progetto. Associazioni, professionisti, comunità e quasi tutte le amministrazioni comunali sono giunti alla conclusione che la centrale di Serrara Fontana è un disastro annunciato, una sciagura immane, un investimento sicuro per i soliti noti in cambio delle briciole per il territorio isolano già martoriato da problemi atavici. E se invece si trattasse di una formidabile opportunità di sviluppo? Un volano per consentire un salto di qualità nella conoscenza del sistema geologico dell’isola, con la possibilità di migliorare le infrastrutture e magari operare nella direzione della salvaguardia del territorio per ridurre i rischi legati alla scarsa manutenzione dei versanti? E se ci fossero opportunità di lavoro e un risparmio sulla bolletta per i cittadini?
Vai all’articolo completo


3 Commenti, Commenta o fai un Ping

  1. norman - Data: 9/5/2016 13:43:42 - IP: 87.7.108.xxx

    Egr. Dr. Garofalo, premesso che ho il massimo rispetto per la Sua posizione sulla Centrale, e riconosco che è stato il primo a divulgare il progetto; premesso anche che non sono contrario allo sfruttamento della risorsa in sè, ma perplesso sull’insieme di questo progetto calato nel nostro contesto, Le indico i passi che si dovrebbero fare per evitare di buttare l’acqua calda insieme con il “bambino”:
    – se il progetto diventa esecutivo così com’è con gli ok ministeriali, la comunità isolana deve chiederne compattamente una moratoria per fugare qualsiasi dubbio sulla pericolosità dell’impianto, e affidare la valutazione scientifica supplementare ad un Ente terzo possibilmente straniero, di chiara fama nel settore;
    – la comunità isolana deve pubblicamente chiedere conto non solo dei dati tecnici del progetto, ma anche del business plan complessivo per permettere di valutare le concrete ricadute dei benefici sulla popolazione;
    – nel frattempo si deve aprire un dibattito sull’energia a Ischia, aperto non solo a tecnici o politici e associazioni ma anche ai cittadini comuni che dovrebbero farsi almeno un’idea basica di quello che c’è in gioco, e delle eventuali alternative.
    Alla fine del processo, visti gli esiti dell’approfondimento, referendum consultivo di iniziativa popolare.

    Current score: 0
  2. Bartolomeo Garofalo - Data: 9/5/2016 18:10:49 - IP: 109.147.185.xxx

    Gentile Norman, è proprio l’atteggiamento come il suo che auspico da un anno a questa parte. Io non sono PRO o CONTRO questo progetto, io sono possibilista. Ma le tecnologie in gioco così come le aziende protagoniste hanno un background capace di affrontare qualsiasi problema. La centrale non è una lampadina che si avvita, si accende e speriamo che faccia abbastanza luce. La centrale è qualcosa che va avviata un poco per volta, come un’automobile che deve fare il rodaggio. Se le cose vanno male, ed è una circostanza prevista, si smonta tutto, si chiudono i pozzi e si va a casa. L’impresa è privata e considera questa ipotesi tra i rischi dell’investimento. Io penso che un tentativo vada fatto. Lo dobbiamo all’ambiente, alle generazioni che verranno dopo di noi. Questo progetto potrebbe essere il preambolo per qualcosa di più grande e più efficiente. Oppure un enorme flop che stabilisce una volta per tutte che la risorsa geotermica a Ischia non può essere sfruttata. Siamo nella condizione di poter rimanere con questo dubbio? Abbiamo un’economia florida, un’autosufficienza energetca che ci permette di guardare a questo progetto con sufficienza? O abbiamo un disperato bisogno di innovazione tecnologica nel rispetto dell’ambiente con una possibile ricaduta economica per Ischia? Perché gli amministratori non si occupano di affrontare queste tematiche? E’ mai possibile non ce ne sia uno sufficientemente lungimirante da comprendere le ricadute che potrebbe avere questo progetto in caso di successo? E’ mai possibile che ci si impegni con tutte le energie solo per dire “NO NO e NO” come un bimbo che fa i capricci?
    Sul tema dell’informazione siamo perfettamente in sintonia, così come sull’ipotesi del referendum che, se ha avuto la bontà e la pazienza di seguire il mio blog, avevo abbracciato già un anno fa. Con Angelo D’Abundo, alla conferenza organizzata dal CAI, si è lanciata l’ipotesi di un comitato interdisciplinare per aprire il dibattito di cui parla anche lei. E’ evidente che la cittadinanza andrebbe coinvolta di più nella discussione. Da parte mia c’è tutta la disponibilità, nei limiti del possibile.

    Current score: 0
  3. lucia - Data: 9/5/2017 12:50:54 - IP: 87.19.148.xxx

    Secondo un esperto e studioso locale (vuole mantenere l’anonimato) l’isola d’Ischia sotto l’aspetto geologico é ancora “Vergine” avendo pochi anni dalla sua comparsa. Quindi ancora se vogliamo dedurre Aenaria é ancora in fase di assestamento. La roccia sottostante all’isola (vulcanica?) ha necessità ancora di qualche millennio per compiere i suoi giri di valzer. Tralasciando la reiniezione nel sottosuolo anche essa poco amica dei terremoti (leggi ultimo terremoto di Casamicciola Terme). Il dott.Bartolomeo Garofalo al nostro microfono assicurò che le oscillazioni prodotte dalle reiniezioni sarebbero centesimale sempre se vengono effettuate nei punti meno nevralgici del territorio. Stiamo persuadendo il nostro esperto-studioso a rilascirci un intervista tra qui a poco sperando di riuscirci

    Current score: 0
NOTA BENE
  • I commenti ritenuti diffamatori saranno cancellati.
  • Messaggi ostili, provocatori, irritanti, fuori tema o semplicemente senza senso, col mero obiettivo di disturbare la comunicazione e fomentare gli animi saranno cancellati.
  • Dopo aver inviato un commento riceverai una e-mail di verifica. Clicca sul link presente nella e-mail per verificare il tuo indirizzo altrimenti il commento non sarà pubblicato.


Ti invitiamo a rispondere a “Geotermia e sindrome NIMBY”:



Ischia: Recensioni Hotel
Efficienza energetica ||