IschiaBlog é un blog d'informazione e satira locale, un elenco dei negozi e servizi dell'Isola d'Ischia, un sistema di annunci ed un centro offerte di hotel a Ischia

Ischia Blog

Forio: il plauso di Domenico Savio alla “nuova” opposizione consiliare

di Domenico Savio* In quanto a scelte politiche, cultura sociale e metodo amministrativo autoritario e antipopolare l’amministrazione comunale del democristiano Francesco Del Deo è senza dubbio tra le peggiori delle amministrazioni che Forio ha avuto la disgrazia di soffrire da 70 anni ad oggi. Il suo totale fallimento è nello stato di abbandono e di squallore sociale del paese. Nei circa 5 anni trascorsi il P.C.I.M-L. nel consiglio comunale e nel sociale si è battuto energicamente contro il malgoverno, l’arroganza, la dittatura, la prevaricazione e l’umiliazione della democrazia e la mancanza di dialogo istituzionale tra maggioranza e opposizione da parte del potere dominante, che ha governato imponendo la forza dei numeri e non della ragionevolezza democratica.

Solo qualche esempio sulla mala gestio della cosa pubblica nel nostro Comune: il porto e i beni pubblici non hanno prodotto la ricchezza dovuta per lo sviluppo strutturale e del vivere civile quotidiano del paese; la disgrazia del clientelismo e dello sperpero di denaro pubblico l’hanno fatta da padrona; dopo il debito milionario di Pegaso e Torre Saracena La Colombaia ha accumulato circa 800.000 euro di debito; i prossimi milionari contenziosi si avranno con l’ex Green Flash e con la gestione privata dell’attività del porto; lavori pubblici fatti malissimo con conseguenti costosissimi contenziosi; strutture pubbliche scolastiche, sportive, stradali e altre che invocano interventi urgenti di ristrutturazione e manutenzione; il depuratore è ancora da venire; l’illuminazione pubblica fa acqua da tutte le parti; la nettezza urbana, la spiaggia di Cava dell’Isola, la passeggiata di Citara e tanto altro gridano allo scandalo amministrativo; i quartieri baraccati sono abbandonati al loro tragico destino di degrado; i litorali restano in balia delle mareggiate; eccetera.

Il P.C.I.M-L. ha dovuto subire – e nello stesso tempo Combattendo e Resistendo alle nefandezze  come ai tempi della lotta antifascista al regime mussoliniano –  le più vergognose angherie, sino alla meschinità politica e morale di far piantonare il suo consigliere comunale Domenico Savio dai vigili urbani durante una seduta del civico consesso popolare e di farlo persino avvicinare dalle forze dell’ordine nella sala consiliare. Sono stati cinque anni di offese alla democrazia e alla dignità delle istituzioni repubblicane, democratiche e antifasciste, ma inflessibile e ugualmente incisiva è stata la nostra risposta e battaglia politica a difesa degli interessi collettivi del popolo di Forio. Per non parlare di informazioni errate al consiglio comunale che ci hanno indotto ad esprimere un voto sbagliato o della delibera, in contrasto con l’articolo 21 della Costituzione, approvata in maggioranza sulle riprese audiovisive delle sedute del consiglio comunale.

Per mettere fine al malgoverno e alla conseguente decadenza sociale ed economica del paese sin dall’inizio della consiliatura abbiamo lottato e contribuito a creare le condizioni per far cadere Del Deo e la sua amministrazione attraverso una mozione di sfiducia o lo scioglimento del consiglio comunale con le dimissioni di almeno 9 sui 17 componenti. Con questo abbiamo anche dimostrato di non essere attaccati alla sedia del potere borghese, clericale e capitalistico, ma di lottare per la conquista del governo della società alla classe lavoratrice operaia e intellettuale. Purtroppo sino a questo momento la natura borghese della quasi totalità della formazione del consiglio comunale non ha consentito di mandare a casa il sindaco e la sua squadra. Il P.C.I.M-L. ha sempre lavorato per tale possibilità.

Domenica 4 febbraio 2018 alle ore 12,30 invitati siamo andati all’incontro delle attuali opposizioni consiliari a Del Deo anche con tale obiettivo, che era e rimane la fedele continuità del lavoro da noi svolto in consiglio comunale per la difesa degli interessi dei Foriani, la cui parte migliore, in termini di formazione intellettuale, di onestà morale e di bene collettivo, non sopporta più la situazione di degrado sociale in cui è stato ridotto il nostro paese. Col pessimismo della ragione e l’ottimismo della volontà possiamo affermare che oggi esiste una nuova e forte opposizione al potere dominante, che ci auguriamo non si lasci ancora illudere e condizionare. Quando il degrado di un territorio e la sofferenza di un popolo raggiungono livelli non più tollerabili non può più valere la tesi che “Il peggior sindaco è sempre migliore di un commissario prefettizio”, anche se mancano pochi mesi alle elezioni amministrative.

Un’opposizione di 8 componenti sui diciassette di cui è composto il consiglio comunale se  si fosse avuta nel corso dei trascorsi circa cinque anni oggi Forio avrebbe già una diversa amministrazione, forse  rispettosa degli interessi collettivi, della dignità istituzionale del consiglio comunale, del ruolo e del rispetto delle opposizioni, delle regole di uno Stato democratico e antifascista e dei compiti di tutti i consiglieri eletti dal popolo sovrano. Non c’è proprio nulla di strano che in un incontro tra consiglieri comunali di opposizione si parli, tra le altre cose, anche della necessità di liberare il paese dalla cappa soffocante di un potere amministrativo clientelare, autoritario e repressivo della democrazia consiliare. Non può essere più consentito alla maggioranza amministrativa di umiliare la dignità dell’istituzione del consiglio comunale con atteggiamenti autoritari, discriminatori e offensivi della personalità e del ruolo elettivo di un consigliere.

Ora l’auspicio è che il risultato nuovo e positivo dell’incontro di domenica scorsa, cioè la nuova opposizione che può crescere ancora e possibilmente mandare a casa l’amministrazione comunale prima del tempo, possa rafforzarsi ulteriormente con la compattezza del gruppo, la sua presenza e il suo voto unitari alle sedute del consiglio comunale per difendere al meglio gli interessi del paese e quanto meno frenare le scelte antipopolari dell’amministrazione in carica. Adesso questo lavoro è possibile, Francesco Del Deo dispone solo di 9 sui 17 componenti del consiglio e senza accogliere le proposte dell’opposizione gli sarà difficile approvare il suo solito bilancio di previsione e pluriennale 2018-2020 che, come per gli anni passati, non risponde alle attese dei Foriani.

Le prossime iniziative della nuova opposizione dovranno essere la richiesta di convocazione urgente e straordinaria del consiglio comunale sulla situazione politica, amministrativa e sociale di Forio dopo 70 anni di malgoverno del paese, la convocazione ravvicinata di una conferenza stampa sugli impegni consiliari del gruppo e sulla possibilità di presentare un emendamento unitario di modifica della proposta di bilancio di previsione e pluriennale 2018-2020 già approvata dalla giunta municipale. Il gruppo consiliare di Forio del P.C.I.M-L. collabora con sincerità e impegno con la nuova opposizione per cercare di evitare altri danni sociali al paese, ferma restando la sua totale autonomia ideologica, politica e sociale in vista delle prossime elezioni amministrative e per qualunque altra autonoma iniziativa politica e consiliare a tutti i livelli istituzionali regionali, nazionali e internazionali.

* Segretario generale e Consigliere comunale di Forio del P.C.I.M-L.


Nessun commento, Commenta o Pinga

NOTA BENE
  • I commenti ritenuti diffamatori saranno cancellati.
  • Messaggi ostili, provocatori, irritanti, fuori tema o semplicemente senza senso, col mero obiettivo di disturbare la comunicazione e fomentare gli animi saranno cancellati.
  • Dopo aver inviato un commento riceverai una e-mail di verifica. Clicca sul link presente nella e-mail per verificare il tuo indirizzo altrimenti il commento non sarà pubblicato.


Ti invitiamo a rispondere a “Forio: il plauso di Domenico Savio alla “nuova” opposizione consiliare”:



Ischia: Recensioni Hotel
Efficienza energetica ||