IschiaBlog é un blog d'informazione e satira locale, un elenco dei negozi e servizi dell'Isola d'Ischia, un sistema di annunci ed un centro offerte di hotel a Ischia

Ischia Blog

Radon: Salvatore Micillo (M5S) interroga i Ministri della Salute e dell’Ambiente sulla misura del fenomeno sull’Isola d’Ischia

antiche_terme_radioattive-2di Andrea D’Ambra. Sul mio blog (www.andreadambra.eu) l’argomento non è nuovo. Ce ne eravamo occupati nel 2008 con un post che, denunciando la politica dello struzzo operata dagli amministratori locali (sbianchettando la parola “radioattive” come si può nascondere la polvere sotto un tappeto) ricordava l’importanza della questione e chiudeva con un interrogativo, ad oggi rimasto tale.

Grazie all’intervento di un deputato campano del MoVimento 5 Stelle però forse lo sarà ancora per poco. E’ notizia di questi giorni infatti l’interrogazione del “portavoce” del M5S alla Camera Salvatore Micillo ai ministri della Salute Beatrice Lorenzin (PDL) e dell’Ambiente Andrea Orlando (PD) che chiede se questi siano in possesso di dati che misurino il fenomeno Radon sull’Isola d’Ischia o in caso contrario se non ritengano opportuno far partire un’indagine epidemiologica per verificarne la dimensione.

In attesa della risposta da parte del Governo (e con la speranza che sia un tantino più seria di quelle che quotidianamente leggiamo sull’ILVA di Taranto) qui di seguito il testo integrale dell’interrogazione.

Interrogazione a risposta scritta 4-01257. Presentata da Salvatore Micillo (M5S)

— Al Ministro della salute, al Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.

— Per sapere – premesso che: nell’Ottocento l’isola di Ischia diventa una delle capitali del termalismo europeo, al pari delle più note stazioni inglesi e austriache. Le «antiche terme comunali», che sorgono sul porto, diventano un punto di riferimento anche per gli studiosi; il radon — elemento radioattivo naturale, appartenente alla classe dei gas nobili, e derivante dalla emanazione di una particella alfa da un atomo di radio — è una sostanza che viene assorbita molto facilmente attraverso le mucose (soprattutto degli apparati respiratorio e digerente) e la cute e si diffonde molto rapidamente ai tessuti con un’affinità elettiva per i lipidi (www.benessere.com); le linee-guida concernenti la prevenzione, la diagnostica e l’assistenza in oncologia, previste dall’accordo tra Ministro della sanità e le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano pubblicate nella Gazzetta Ufficiale del 2 maggio 2001, hanno descritto gli effetti sanitari del radon: «L’esposizione al radon ed ai suoi prodotti di decadimento è un fattore di rischio per il tumore polmonare ed è generalmente considerata come una delle principali cause di tale neoplasia, dopo il fumo della sigaretta».

L’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha classificato tali radionuclidi tra le sostanza di gruppo 1; si stima che il rischio individuale sull’intera vita dovuto all’esposizione continua a 100 Bq/m3 sia dell’ordine di 1 per cento con un’incertezza stimabile in un fattore 3»; secondo le stime riportate nel medesimo documento si ipotizza che dal 5 al 15 per cento dei 30.000 tumori polmonari che ogni anno si verificano in Italia, siano attribuibili al radon; in data 4 maggio 2003 il programma Report su Rai3 aveva acceso i riflettori sulla presenza del gas radon nell’isola di Ischia e aveva posto in evidenza la sua pericolosità sulla salute umana a causa delle elevate concentrazioni presenti; nel servizio televisivo citato Francesco Bochicchio dell’Istituto superiore di sanità aveva affermato che: «La caratteristica fondamentale del radon è che è un gas inerte e quindi significa che dal posto in cui viene prodotto, dal suolo e dal materiale di costruzione, può muoversi e diffondere e in particolare entrare nei luoghi chiusi tra cui le abitazioni e concentrarsi»; Campania, Lazio e Veneto sono le regioni con la più alta concentrazione di radon e si stima che un milione di abitazioni in Italia siano esposte al radon;

in data 4 aprile 2009 nel blog di Andrea d’Ambra si legge che: «Quello di cui la terza isola italiana per numero di abitanti avrebbe bisogno è una vasta campagna informativa rivolta alla popolazione, una diffusa misurazione di livelli di Radon e la conseguente bonifica di quei luoghi dove i livelli, risultano oltrepassare i limiti raccomandati dalla Comunità europea di 200 Bq/m3 per le nuove abitazioni e 400 Bq/m3 per quelle già esistenti»

-: se i Ministri interrogati siano a conoscenza dei fatti esposti nella premessa, in particolare se allo stato attuale siano disponibili i dati delle rilevazioni di gas radon nelle varie zone dell’isola d’Ischia, ciò comprendendo sorgenti ed immobili (edilizia pubblica, privata e scuole); se non si intenda promuovere all’uopo tale studio mediante esperti del settore e quali iniziative si intendano assumere a tutela della salute degli isolani; se siano state effettuate indagini sull’incidenza di patologie tumorali ai polmoni, sia tra i fumatori, sia tra i non fumatori, e, in caso contrario, se non intenda avviare un circostanziato studio epidemiologico per valutare l’insorgenza del rischio rispetto al dato nazionale. (4-01257).


13 Commenti, Commenta o fai un Ping

  1. Carmine Castaldi - Data: 16/7/2013 14:11:25 - IP: 151.77.12.xxx

    All’uopo, il sottoscritto ex impiegato civile del ministero difesa a seguito avvicendamento presso lo Stabilimento Balneo Termale Militare Francesco Ischia e componente RSU( marzo 1975 al 1998) precisa, che il Bagnino Fangarolo Sig. Albano Andrea in servizio presso il richiamato Ente fu colpito da Leucemia e conseguente morte avvenuta in data 6- 2- 1977. La richiamata RSU dopo aver accertato e valutato attentamente riscontro, che le acque termale isola d’Ischia e più specificamente le sorgente dell’Ente in questione denominate”Fornello e Fontana”rispettivamente con valori 4,68 e 4,33 unità MACHE; nonché la descrizione del Prof. Bocconi Giannantonio docente di idrologia medica che in una sua pubblicazione dal titolo “curarsi con le acque termali” , asseriva testualmente che “nelle acque radioattive di Ischia sono disciolte quantità che pur essendo costituite di nuclei di “Elio” si comportano come un gas, facendo rilevare inoltre che le acque termali di Ischia sono fra le più radioattive del mondo, denuncio l’accaduto e di seguito dopo vari controlli, in particolare Il Camen di Pisa riscontò la presenza di Radon in aria confinata, ovvero nelle varie cabine di fango terapia. Per quanto sopra gli addetti alla fango terapia dello Stabilimento in questione dalla stessa data percepiscono indennità ai sensi di legge.

    La pericolosità delle sostanze radioattive per gli esseri viventi può essere notevolmente diversa dalle modalità di esposizione.

    Gli elementi che emettono particelle ALFA e BETA (tralasciano il comportamento delle particelle Beta) non costituiscono in genere un pericolo grave a condizione che esse agiscono sull’organismo soltanto dall’esterno (in questo caso sono sufficiente protezioni tipo gabinetti radiologici e suoi tecnici). Molto più pericolosi possono riuscire se ingeriti o inalati.

    Current score: 0
  2. Brigida - Data: 16/7/2013 14:32:11 - IP: 217.201.38.xxx

    Domanda molto da ignorante…
    Se per secoli/millenni l’isola è stata abitata e il livello di radon sempre è stato così alto, come mai ci si preoccupa ora? Siamo all’allarmismo puro e vogliamo spaventare gli ultimi coraggiosi avventori delle nostre terme?
    E poi, bonificare come? Cosa?
    Che facciamo? Evacuare i residenti e ammettere solo i curandi per un limitato lasso di tempo di due o tre settimane giuste per la cura termale e poi via?
    Ci vogliamo rendere conto che in un isola vulcanica ci sono emissioni anche nocive senza che si terrorizzi una popolazione senza avere anche la soluzione pronta?
    Ribadisco, sono ignorante in materia ma tutto questo non mi convince. Sarei grata di una risposta “terra terra” appunto per ignoranti in materia.

    Current score: 0
  3. Carmine Castaldi - Data: 16/7/2013 21:21:10 - IP: 151.77.11.xxx

    “radon con acqua: un pessimo cocktail – Istituto per le Tecnologie …
    http://www.roma.itc.cnr.it/PDF/Articolo%20acqua%20e%20radon.pdf‎
    di F Maiuri – 2012 – Articoli correlati
    06/set/2012 – Se inalato o ingerito, è molto pericoloso per la salute umana poiché le … Consiglio- COM(2012) 147 final – del 28/03/2012, che stabilisce i …. in uno di Rn-222 provoca l’emissione di una particella alfa dotata di una certa.”
    ====================
    Il sottoscritto, (da marzo 1975 al 1998) voluto dai lavoratori, si occupò del grave problema. Ieri ha commentato :”L’argomento non è nuovo. Ce ne eravamo occupati nel 2008 con un post che, denunciando la politica dello struzzo operata dagli amministratori locali (sbianchettando la parola “radioattive” come si può nascondere la polvere sotto un tappeto) ricordava l’importanza della questione e chiudeva con un interrogativo, ad oggi rimasto tale”. Si ” ad oggi è rimasto tale” perchè “Leucemia e Tumori” non sono una semplice Bronchite o polmonite. Sono malattie grave, vanno affrontati con massima serietà a viso scoperto, in quanto per la vita non si può perdere la vita. Ancor più, eventuale, modifica del DNA. Per quanto sopra, a modesto parere, vanno urgentemente presi i controlli medici specialistici previsti dalla legge vigente ed altri accorgimenti necessari.
    In chiusura va precisato che le cure termali non sono lesive, ma altamente positive.
    Il grave problema si abbatte unicamente sugli addetti alla fango terapia che si trovano a tempo indeterminato a diretto contatto con acque e gas che emanano le stesse. Tuttavia non è del tutto escluso, eventuale, richiamata modifica del DNA.
    Infine, é prudente tenere lontano dalle richiamate aree: donne in stato di gravidanza; persone ultra 70 anni; neonati, bambini ed adolescenti.
    Per quant’altro consultate professionisti altamente specializzati in materia.

    Current score: 0
  4. adelaide - Data: 16/7/2013 23:58:10 - IP: 151.75.12.xxx

    Mi piacerebbe sapere cosa ne pensano gli abitanti dell’isola,magari con un referendum propositivo , lanciato da tutti i Sindaci …..

    Current score: 0
  5. Brigida - Data: 17/7/2013 11:17:27 - IP: 95.75.115.xxx

    Grazie Adelaide. Ma resta la domanda: noi che facciamo? Chiudiamo bottega? Emigriamo?
    Per secoli proprio questi vapori ed acque erano il pane di Ischia, i fanghi poi si sono aggiunti. E tutta la gente che correva a guarire è tornata anche per decenni.

    Già Marie Curie ne parlava e niente è cambiato da allora. Tranne l’inquinamento atmosferico prodotto dall’uomo. Non è che sia questo fattore che incide maggiormente? Ma dare la colpa al radon fa più chic, vero?!
    Ci saranno anche stati casi come sopra descritti e sono dolorosi ma – ripeto – siamo sicuri che sono proprio questi gas gli unici responsabili?

    Current score: 0
  6. Rita - Data: 17/7/2013 20:53:43 - IP: 151.77.19.xxx

    ma cara brigida la tua domanda te la dovrebbero risolvere proprio i nostri politici, cioè i sindaci per esempio..perchè loro sono i rappresentanti dello Stato più vicini a noi cittadini. invece io da loro non ne ho mai sentito parlare.l’allarmismo spesso è figlio di una cattiva o insufficiente informazione.

    Current score: 0
  7. Davide Iacono - Data: 17/7/2013 21:30:24 - IP: 79.12.24.xxx

    Nulla di che, si fa informazione…….il tufo verde ne è carico , ma finche son muri nessun problema……locali ben areati nessun problema……il radon diventa pericoloso qnd si concentra, nel caso di strutture ( case o altro) non ben areate………..ce chi gia da anni si analizza la zona e se avverte limiti vicino alla guardia, opera sistemi di areazione speciali alla casa.si tratta solo di avere gestione, e che non diventi boomerang( una mia personale opinione)
    Semplice informazione, se chiedi a meta isola il solo significato della parola radon, neanche sanno cos è!!! ;-)

    Current score: 2
  8. ijna - Data: 18/7/2013 08:29:56 - IP: 95.245.51.xxx

    addirittura il radon modificherebbe il DNA……?ora mi spiego lo strano comportamento di certa gente che non somiglia piu’ ad esseri umani……

    Current score: 0
  9. giulia - Data: 18/7/2013 14:03:01 - IP: 79.26.7.xxx

    Due piccole osservazioni:
    1)REFERENDUM senza informazione (tipo Comune Unico)? NO GRAZIE!
    2)Trovo necessario che si parli del problema, noi abitanti dell’Isola abbiamo il diritto/dovere di sapere per capire e rassicurare, con cognizione di causa, eventuali sciacalli…

    Current score: 0
  10. Rita - Data: 18/7/2013 19:36:57 - IP: 151.77.19.xxx

    Ma Savio in tutto questo, dov’è? Perchè non fa una interpellanza consiliare? È suo dovere sollecitare chiarezza e informazione ufficiale sul problema radon ad Ischia. p.s. …anche io ho notato spesso delle mutazioni genetiche o malformazioni strane. Dobbiamo preoccuparci?

    Current score: 0
  11. ADA - Data: 18/7/2013 20:06:50 - IP: 151.75.17.xxx

    Radon concentrations in air and water in the thermal spas of ischia island

    M. Pugliese
    Dipartimento di Fisica, Università degli Studi di Napoli Federico II, Italy; Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), Sezione di Napoli, Italy

    M. Quarto maria.quarto@na.infn.it
    Dipartimento di Fisica, Università degli Studi di Napoli Federico II, Italy

    V. Roca
    Dipartimento di Fisica, Università degli Studi di Napoli Federico II, Italy; Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), Sezione di Napoli, Italy

    The aim of the paper is to give information about radon concentration in air and in water of 16 thermal spas of the Isle Ischia to assess the corresponding mean effective dose for workers. Measurements of air radon concentration were carried out by means of Electret Passive Environmental Radon Monitor (E-PERM) devices in long-term configuration, while radon activity concentration in water was measured using the same detectors in short-term configuration. In each plant, several kinds of rooms of different uses (office, muddy room, massage room, relax room, aerosol, mud pit and medical treatment room) were selected. Results show a great variability among the measurements relative to the different kinds of rooms of the spas. In some cases, the dose received by workers was higher than 3 mSv/y, which is the effective dose limit for occupational exposure imposed by Italian legislation.

    http://ibe.sagepub.com/content/early/2013/04/16/1420326X13480053.abstract

    Current score: 1
  12. Brigida - Data: 19/7/2013 00:36:38 - IP: 217.203.11.xxx

    In some cases, the dose received by workers was higher than 3 mSv/y….

    Va bene. E ora? Chiudiamo? Aspetto ancora una risposta valida. E poi, “higher” di quanto?

    Mi sa che stiamo continuando a girare attorno la questione.

    Current score: 0
  13. ijna - Data: 20/7/2013 19:30:47 - IP: 87.1.137.xxx

    I want to know the truth.

    Current score: 0
NOTA BENE
  • I commenti ritenuti diffamatori saranno cancellati.
  • Messaggi ostili, provocatori, irritanti, fuori tema o semplicemente senza senso, col mero obiettivo di disturbare la comunicazione e fomentare gli animi saranno cancellati.
  • Dopo aver inviato un commento riceverai una e-mail di verifica. Clicca sul link presente nella e-mail per verificare il tuo indirizzo altrimenti il commento non sarà pubblicato.


Ti invitiamo a rispondere a “Radon: Salvatore Micillo (M5S) interroga i Ministri della Salute e dell’Ambiente sulla misura del fenomeno sull’Isola d’Ischia”:



Ischia: Recensioni Hotel
Efficienza energetica ||